fbpx

Produttività: perché nel marketing ci vuole disciplina come nel karate

da | Ottobre 23, 2017 | Blog, Digital, Marketing

Il maestro Miyagi (Karate Kid, hai presente?) diceva:

“Quando cammini su strada, se cammini su destra va bene. Se cammini su sinistra, va bene. Se cammini nel mezzo, prima o poi rimani schiacciato come grappolo d'uva.  

Ecco, Karate è stessa cosa. Se tu impari Karate va bene. Se non impari Karate va bene. Se tu impari Karate-Speriamo, ti schiacciano come uva.”

 

Cosa c’entra il karate con il marketing?

Presto detto: che la tua sia una piccola impresa o una grande multinazionale, nel marketing devi prendere le cose seriamente o rischi di farti male. Ovviamente non metti in pericolo la tua vita, ma la tua brand reputation e cosa più importante il tuo budget.

Nel karate, per evitare di finire subito col sedere sul tatami al primo combattimento, ci vuole molto molto allenamento. E nel marketing? Per migliorare la propria produttività occorrono tanto studio e una continua analisi di tutti i fattori interni, dall’efficienza alle competenze.

 

Monitora l’efficienza

Quando i bilanci sono stretti - e anche quando non lo sono - il monitoraggio dell'efficienza e della produttività delle strategie di marketing è più importante che mai. Le modifiche del tuo target, le fluttuazioni economiche e persino il marketing di un tuo concorrente sono fattori esterni che influenzeranno il successo del tuo marketing: per resistere alle influenze esterne è importante rendere i propri processi (strategici, operativi, di analisi) più efficienti.

Tempo fa ti abbiamo parlato del metodo Konmari  applicato al piano di comunicazione: è un principio che puoi applicare in generale al tuo marketing, ti basterà preparare una tabella di lavoro dove inserire tutte le attività principali e indicare energie e tempo impiegate per ognuna. Fai compilare questa tabella anche al tuo team: avrai un quadro più chiaro dell’efficienza dei processi a tutti i livelli.

Come nel karate è inutile sprecare le proprie forze a scapito della resistenza, così nel marketing l’efficienza ti permette di durare più a lungo sul mercato.

 

Valuta in ogni momento il tuo target reale

Conoscere il proprio cliente ideale non è spesso sufficiente: spesso è necessario rivolgere le proprie attenzioni ai clienti già acquisiti piuttosto che a quelli potenziali, valutando ad esempio se i primi non siano più disposti a spendere rispetto ai secondi.

C’è un momento per affrontare il nemico più forte e c’è un momento per farsi le ossa nelle sfide più piccole: così nel marketing ci saranno momenti in cui la tua azienda dovrà dare priorità alla fidelizzazione dei vecchi clienti o dovrà concentrare le forze su una piccola nicchia di potenziali consumatori.

In previsione di festività e saldi, ad esempio, vedrai che una corretta valutazione del tuo target reale preserverà il tuo budget contribuendo alla tua produttività.

 

Analizza le tue competenze

Un’analisi importante nel marketing è quella relativa alle competenze: valuta quali attività necessitano di un know how tecnico e analizza quanto è conveniente investire sull’acquisizione di conoscenze specifiche e quanto è meglio trasferire parte delle attività all’esterno.

Quanto tempo e budget impieghi per formare un dipendente ad esempio sulle attività di social media marketing, in web design o in grafica pubblicitaria? Esternalizzare un processo rivolgendosi a professionisti può voler dire dedicarsi con maggiore produttività al proprio core business.

Il marketing è una sfida: non puoi affrontarla se non conosci i tuoi punti di forza ma anche le tue debolezze. E se non ti accontenti di restare in piedi ma vuoi anche vincere l’avversario, devi conoscere a fondo il tuo potenziale.

Articoli Recenti

Bologna

Via Ferrarese 65, 40128
+39 051 352666

P.IVA e C.F. IT02141330379
R.E.A. BO 253189
Capitale sociale € 10.400 i.v.
PEC: tecnostudi@pec.it
EMAIL: tecnostudi@mptstudi.com

 

 

 

Pin It on Pinterest

Share This