fbpx

IL TEAM TECNOSTUDI

Abbiamo deciso di presentarvi il nostro Team non con le solite foto a mezzo busto, ma in modo più originale, raccontando cioè cosa lo rappresenta nel profondo.

Le foto che vedrete in questa pagina rappresentano ognuno di noi attraverso gli oggetti che ha ritenuto più personali e più significativi.

Così abbiamo dato vita all’obiettivo 37 del nostro quarantennale!

Conosci le persone di Tecnostudi attraverso i loro oggetti.

maria rosa

In una foto ci sono la maggior parte delle mie passioni, dall’equitazione al motociclismo alla lettura, ma c’è anche la mia ostinazione a mantenere viva la mia parte infantile che cerca sempre di divertirsi e imparare, qualunque cosa accada. E, ovviamente, c’è il mio essere profondamente legata al mio lavoro e alla mia azienda!

 

Descriversi attraverso pochi oggetti, una grande sfida per chi come me non saprebbe farlo neanche con 1.000! Ma ci ho provato… dalle mie origini al mio amore per il mare, alla mia passione per Parigi e per la lingua francese, ecco cosa racchiude questo scatto. Naturalmente non è tutto qui il mio mondo e la parte più importante è riservata alle persone che amo.

ignacio

sonia

Gli indispensabili per me? Innanzitutto il “bacio espresso” della mia bimba, pronto all’uso quando la sua mancanza si fa sentire! Poi il mostro mangia-rabbia, sempre suo, ma in fondo di entrambe, che ci insegna a gestire le emozioni. Infine l’agenda, a supporto della mia memoria ballerina e il “ciappetto” per i capelli, che da sempre mi accompagna ovunque io vada.

federica

claudia

Quattro oggetti per raccontare una vita.. Sicuramente immancabile è il caffè per dare brio alle giornate e perché il suo profumo per me vuol dire “ casa”. Colori e gomitoli di lana per rilassarsi e dare sfogo alla creatività senza regole da seguire. Un libro di archeologia, perché amo la storia antica e perché penso che per capire il presente bisogna conoscere il passato. 

L’immagine raccoglie la mia interpretazione di libertà e voglia di leggerezza. Ammiro i gatti perché sanno essere affettuosi ma schivi, preservando la loro indipendenza.
Ricerco l’aria aperta perché il contatto con la natura mi ricarica di energia positiva. Adoro la raffinatezza, quella che va a braccetto con la sportività.

Pin It on Pinterest

Share This